SUL SENTIERO

Comunità Residenziale

La Comunità Residenziale Educativa Integrata può risultare efficace in una grande casistica conosciuta ai Servizi Sociali, in cui si verifichino segni di disagio in uno o più minori appartenenti ad un nucleo familiare, tali da rendere necessario l’allontanamento del/dei minori dal nucleo familiare originario. Questa comunità svolge principalmente una funzione riparativa, di sostegno e di recupero delle competenze e capacità relazionali di minori in situazione di forte disagio. Può accogliere bambini e ragazzi con disturbi psico-patologici, che non necessitano di assistenza neuropsichiatrica in strutture terapeutiche intensive o post-acuzie di cui alla 911/2007, o che presentano rilevanti difficoltà psicologiche e relazionali e seri problemi del comportamento in seguito a:

  • traumi e sofferenze di natura psicologica e fisica dovuti a violenze subite od assistite;

  • prolungata permanenza in contesti familiari caratterizzati da dinamiche gravemente disfunzionali che coinvolgono il minore;

  • situazioni di grave trascuratezza relazionale e materiale determinata da profonde insufficienze delle competenze personali e genitoriali delle figure parentali.

Le suddette difficoltà sono di solito di entità tale da non potere essere superate con i soli interventi ambulatoriali o domiciliari, richiedendo così una collocazione residenziale del minore, che permetta azioni di supporto educative e psicologiche, dotate di particolare intensità, continuità e fortemente integrate con quelle svolte dai servizi territoriali.

La comunità Educativo-Integrata si connota per una forte integrazione delle competenze socio-educative con quelle psicologiche. Le attività educative e psicologiche infatti sono strettamente collegate con gli interventi sociali e sanitari svolti in modo fortemente integrato dai servizi territoriali.

Per nostra esperienza di questi anni occorre comunque che i casi presi in esame rispondano ai seguenti criteri:

  • il minore risulti in grado di mettersi in relazione, seppur minimamente, con adulti e coetanei;

  • la famiglia, se si prevede un lavoro per il rientro del minore, abbia un grado di difficoltà che non precluda i processi di collaborazione con gli operatori dei servizi e della comunità e sia disponibile ad un percorso di affiancamento e di rielaborazione delle proprie competenze genitoriali e relazionali.

SUL SENTIERO

Contattaci

TEL: 0542 22253
INTERNO:
INDIRIZZO: Via Cavour 2/e, Imola

    Il tuo nome (richiesto)

    Telefono

    La tua email (richiesto)

    Oggetto

    Il tuo messaggio

    Autorizzo il trattamento dei dati personali in base art. 13 del D. Lgs. 196/2003. sulla privacy

    “Bisogna essere preparati a tutto; accettare tutto, rassegnarsi a tutto e mantenersi sereni davanti a tutto”

    DON BUGHETTI, FONDATORE