LA FONDAZIONE

Sostienici

Puoi devolvere il tuo 5×1000 alla Fondazione S.Caterina attraverso la nostra associazione “Amici ed Ex Allievi di Santa Caterina”, riconosciuta come ONLUS, indicando nella denuncia dei redditi o modello CUD il seguente

CODICE FISCALE

90 04 34 90 37 5

Non costa nulla
Devolvere il 5 x mille all’ associazione “ Amici ed ex allievi di Santa Caterina” non ti costa niente e non influisce sulla scelta di devoluzione dell’8 x mille. Per noi è invece una risorsa molto importante, perché ci permette di portare a compimento progetti che non hanno fine di lucro ma che rientrano nelle finalità sociali della nostra fondazione.

È utilissimo
Devolvere all’ associazione “Amici ed ex Allievi di Santa Caterina” il 5 x mille significa aiutare tutti i ragazzi beneficiari dei progetti gestiti dalla nostra Fondazione, impegnata a proporre e gestire servizi che si occupano di minori, disabili, immigrati e inserimenti lavorativi di persone in difficoltà.

È semplicissimo
Destinarci il 5 per mille della prossima dichiarazione dei redditi è facilissimo:
Basta apporre la propria firma e scrivere il numero del codice fiscale dell’ associazione all’interno dell’apposito spazio della dichiarazione dei redditi.
Lo trovi sia nel modello 730 che nel modello UNICO e nella Certificazione Unica ( il vecchio CUD). Fai attenzione a compilare il box dedicato alle “organizzazioni non lucrative di utilità sociale”.
Il codice fiscale dell’associazione “Amici ed ex Allievi “ è: 90043490375

Se non devi presentare la dichiarazione dei redditi , puoi devolvere il 5 per mille, compilando lo spazio apposito nella Certificazione Unica (vecchio CUD) e portando il foglio in curia presso l’ufficio “Sostentamento Clero”. Altrimenti puoi rivolgerti ai nostri uffici.

Grazie a tutti coloro che nel 2013 hanno deciso di destinarci il 5 x 1000. Grazie a voi abbiamo avuto 504 adesioni, per un importo  totale di 13.178 euro.
Segnala questa pagina a tutte le persone che conosci!

“Le anime che si aprono alla vita hanno troppo bisogno di essere curate, e ve ne sono troppe coltivate male, ve ne sono troppe che nessuno coltiva!”

DON BUGHETTI, IL FONDATORE